Come intrattenere due relazioni di Sesso contemporaneamente

Published by:

In molti ci hanno provato, pensato o addirittura ci sono passati. Vivere e intrattenere due relazioni nello stesso momento non è un’impresa facile. Ma le possibilità di farcela senza impazzire ci sono.

Ok, non storcete il naso. È un dato di fatto che oggi alcuni uomini e donne decidano di portare avanti due (o più, per i temerari!) relazioni contemporaneamente.
Di certo la visione a due del rapporto di coppia non è riservata a tutti. Il tradizionalista dirà che l’amore è una faccenda a due, un gioco di esclusività, una scelta. Chi invece non si accontenta di una sola relazione può avere diverse motivazioni dalla sua parte. Motivazioni più o meno valide che vanno ricercate nella sua storia personale.

I buoni motivi per avere due relazioni simultanee

Cercate i buoni motivi? Ciascuno avrà i suoi. C’è chi crede che sia una situazione di comodo, un modo per assicurarsi la varietà in amore e a letto. Chi fa una scelta del genere, infatti, spesso vuole sentirsi più soddisfatto e ricevere amore da più parti, timoroso che se uno dei due rapporti dovesse fallire ci si può spostare sempre sull’altro.
C’è chi teme la solitudine, ma anche chi è attratto sessualmente da più persone e non ama la rinuncia. Poi ci sono i teorici del poliamore. Un vero movimento che coinvolge uomini e donne convinti che l’amore e la monogamia non vadano necessariamente d’accordo.

Secondo uno studio diretto dallo psichiatra e psicoanalista Pedro Horvat, pare sia realmente possibile amare due persone in contemporanea. Chi s’innamora di una seconda persona, infatti, può scoprire in lei aspetti che non trova nella prima e in questo modo riconoscere quel che di speciale ed unico è in entrambe.

Oggi sono in molti a credere che l’esclusività in amore sia un’utopia. L’amore, infatti, è un sentimento, e i sentimenti non vanno molto d’accordo con le regole, le razionalizzazioni e le limitazioni. Se non è innamoramento fulminante, è facile infatti che si possa provare attrazione anche per più di una persona, e decidere di portare avanti quel rapporto senza troncarne necessariamente un altro.
Anche Francesco Alberoni, il noto sociologo specialista in sesso&amore, riconosce che la relazione multipla è spesso una realtà soprattutto tra gli uomini, i quali tendono a vivere l’amore e il sesso come due dimensioni separate, autonome.

Conviene avere due relazioni contemporaneamente?

Due relazioni contemporaneamente si possono dunque intrattenere, ma non è sempre conveniente. Innanzitutto c’è il rischio di far soffrire due persone – se mai il piano celato alle ‘ignare vittime di turno’ dovesse venir scoperto – e la sofferenza si moltiplica soprattutto se di mezzo ci sono veri sentimenti.
In caso di rapporto unicamente a base di sesso, allora il discorso cambia. C’è chi è capace di cambiare donna/uomo ogni sera, figuriamo stare con due persone nello stesso momento!

La sincerità in tutti i casi è un buon lasciapassare. “Il triangolo non l’avevo considerato”, cantava Renato Zero. Ma se il triangolo è alla base di un comune accordo, se entrambi i nostri partner sanno  dell’altro, allora è sempre possibile tentare l’ardua strada della doppia relazione.

A voi la scelta.

Laura ha decido di dominarmi e mi ha fatto impazzire

Published by:

Trovare una donna che ti domini e che ti faccia provare una grande eccitazione è complesso oggi, ma non di certo impossibile: la mia esperienza con Laura è stata una di quelle che una persona si ricorda per tantissimo tempo.
Io sono un giovane che adora le donne e che, sotto sotto, adora anche essere sottomesso, in quanto l’eccitazione che si prova in questo frangente è incredibile.
Laura è una ragazza dai lunghi capelli rossi che sa il fatto suo, e che conosce benissimo tutte le tattiche che possono essere adottate per far provare ad un uomo un eccitamento incredibile.
Con lei, il piacere del sesso è sempre garantito: io la considero la mia padrona, visto che riesce ogni volta a dominarmi e questo mi fa impazzire dal piacere.
Un pomeriggio d’inverno, sia io che Laura eravamo liberi da impegni lavorativi e questo ci ha permesso di incontrarci senza alcun problema: quella sera la ricorderò come una delle più eccitanti di tutti i tempo.
Mi ricordo che mi presenta

i con un mazzo di fiori rossi, per ringraziare Laura della sua esistenza: appena li vide, la mia padrona inizialmente sorrise, e successivamente mi diede uno scappellotto sul volto, non appena entrai nella sua abitazione.
Questo perché una padrona deve essere sempre adorata anche con regali materiali, almeno questo è quello che la ragazza sostenne.
Mi trascinò dentro il salotto, ed io mi eccitai tantissimo nel vederla vestita in quel modo.
Calze velate, gonna cortissima nera e maglietta bianca a maniche lunghe: insomma, si trattava di una vera e propria bomba sexy, che solo a vederla faceva eccitare come non mai.
Detto questo, la mia dominatrice mi spogliò, lasciandomi solo in mutande e questo voleva dire una cosa sola: il rito della goduria e passione era appena iniziato.
La mia Laura si tolse subito le scarpe e ponendomi un piede nudo sul volto, subito mi disse che come schiavo il mio compito era quello di adorare ogni sua parte del corpo, partendo proprio dai piedi.
Decisi dunque di soddisfare le sue esigenze ed i desideri che la ragazza aveva.
Inizia a baciarle e assaporare quel soffice e piccolo piede, mentre con l’altro stuzzicava le mie parti intime, facendomi sentire eccitato come non mai.
La mia dominatrice ovviamente non si accontentava di questo piccolo preliminare, definito da lei come essenziale: mi prese per i capelli e, seduta su una sedia, mi passo il volto sulla sua natura.
Il profumo del sesso, accompagnato dal suo calore ovviamente mi fece esplodere dal piacere: la mia dominatrice mi chiese di farla godere, ed io ovviamente rispettai le sue voglie, cercando di sfiorarle leggermente il sesso con la bocca.
Vedevo che si contorceva dal piacere, e questo era dimostrato dalle sue gambe che si muovevano lentamente.
Laura mi prese per i capelli nuovamente dopo aver goduto per diversi minuti, e decide di spostare l’azione nella camera da letto, dove venni legato e colpito per diverse volte.
La ragazza mi cavalcò e diede qualche colpo al volto, per poi iniziare a strofinarsi sul mio corpo completamente nudo.
Mentre mi stuzzicava i capezzoli, sia con le mani che con la bocca, sentivo in me una forte voglia di avere un rapporto sessuale con lei.
Laura si spoglio lentamente e si girò di scatto, per iniziare a giocare con la sua bocca: la sua calda lingua passava su tutto il mio membro, mentre mi rimetteva il sesso sul mio volto, e lo spingeva con forza, quasi volesse soffocarmi dal piacere.
Si muoveva velocemente e giocava con la sua bocca, quando poi decise di aprire le gambe e di dominarmi letteralmente: le sue forti mani sui miei pettorali mi stringevano i muscoli, mentre lentamente si faceva penetrare e godeva.
Le piaceva quella sensazione di controllo totale, mentre io non potevo far altro che godere, mentre lei aumentava la velocità con la quale si faceva penetrare.
Godeva, si muoveva e mi colpiva: sentivo il suo cuore pulsare ed il suo sesso gonfiarsi, mentre i gemiti diventavano sempre più forti e continuativi.
La passione che metteva Laura era incredibile: le piaceva sentirlo dentro e muoversi velocemente, mentre gioiva e godeva dal piacere.
Dopo pochi minuti impazzii dal piacere, ed esplosi, mentre Laura, dopo essersi divertita a cavalcarmi, concluse il rapporto stimolandomi prima con mani e piedi, e poi con la sua calda bocca vogliosa.
Mi slegò subito dopo ed io, ancora sconvolto dal piacere e dalla goduria che la ragazza mi regalò, la ringraziai per l’ottimo rapporto: la dominatrice con un sorriso mi disse che la prossima volta sarebbe stato ancor più piacevole, visto che lei aveva goduto tantissimo e voleva godere ancora di più..

donna giapponese per sesso orale

Published by:

Ho sempre considerato le donne orientali più sensuali di quelle occidentali.
Hanno movenze delicate che richiamano i voli leggeri di una farfalla.
Sono anche state educate in una cultura diametralmente opposta alla nostra.
La donna in Giappone, per esempio, ha come sua massima espressione la Geisha.
Una donna completamente asservita dal suo uomo, che lo asseconda e lo accudisce come un re.

Ecco, io cerco una di queste eteree creature.

Con la quale passare del tempo a farmi viziare, che sia in grado di soddisfare le mie più strane richieste con un semplice cenno del capo.

La vorrei in kimono, stretta e legata da un drappo di stoffa così regale ma allo stesso tempo seducente mentre si muove ancheggiando verso di me.

Cerco una donna con gli occhi a mandorla, di un mondo lontano, affamata di quel tipo di desiderio che un ragazzo giovane come me può soddisfare.
In fondo ad alcune donne piace la sottomissione. Io cerco una mia personale leggiadra ed elegante schiava.

Voglio perdermi nel suo sguardo mentre mi solletica con la sua bocca. Non posso che morire dentro se penso alla sensazione di quegli occhi sottili e allungati che mi fissano mentre con la bocca da un piacere immenso al mio gioiello intimo e lei, accucciata ai miei piedi come conviene ad una vera geisha, ammicca e capisce ogni desiderio durante questi momenti di passione.

Ciò che cerco in una donna è nascosto dietro a sguardi di complicità. Grazie e malizia che si fondono in un continuo gioco di ruolo.
Non ci posso fare nulla, le occidentali mi soddisfano solo il necessario, mentre le giapponesi mi fanno del tutto morire.

Ho quasi 23 anni. Sono giovane ma non per questo inesperto.
Vivo già da solo e il mio lavoro mi permette anche lunghe pause durante le quali peccare e godere di una donna nella sua completezza.
Non voglio giovani ragazze coetanee.
Quelle sempre piene di complessi o inibizioni.
Cerco una donna sicura di sé al punto da poter diventare la mia bambola per qualche ora.
Se corrispondi a quanto amo e desidero ardentemente, non aspettare e non tergiversare troppo.
Ho così tanto da offrirti, fisicamente e mentalmente, che sento già fremere la voglia di conoscerti.
Senza impegno, solo una prova.
Certo, ci trovassimo bene insieme, si creasse la perfetta alchimia, non posso negare che potremmo anche iniziare qualcosa di più frequente. Ma senza promesse o false speranze.
Incontri fugaci o lunghe ore trascorse insieme, l’importante è avere il giusto tempo per godere entrambi della compagnia reciproca.

Contattami, aspetto la mia dama nipponica da sempre e non vedo l’ora di perdere i sensi tra le tue grinfie e le tue astute mosse ammaliatrici.